L’estrazione

Dopo la fase di gramolazione ad una temperatura media di 25-27 C°., si procede alla fase dell’estrazione che conduce alla separazione dell’olio dalla parte solida.

Il sistema estrattivo principale è quello per centrifugazione(decanter ad asse orizzontale a due o tre fasi) e sfrutta il diverso peso specifico dei singoli componenti. La pasta viene infatti sottoposta a centrifugazione in un tamburo cilindro-conico ruotante ad asse orizzontale; l’elevata velocità raggiunta nel decanter, porta alla separazione delle tre componenti: olio, acqua di vegetazione e sansa.

Il decanter a tre fasi è chiamato così perchè effettua una separazione dei tre componenti: olio, acqua di vegetazione, sansa.

La centrifugazione del decanter a 2 fasi invece separa due sole frazioni: la sansa e l’acqua di vegetazione (da una parte) e l’olio dall’altra.

Le sanse umide hanno ancora uno scarso valore, tuttavia possono essere trattate con sistemi che permettono il recupero della parte legnosa della sansa (nocciolino) per uso energetico.

Tutti i decanter prodotti dalle Officine Meccaniche Toscane S.p.A. sono capaci di produrre olio di oliva senza necessità di passaggio ai separatori finali ad asse verticale. Ciò avviene grazie all’esclusivo disegno della coclea e al nuovo sistema di prelievo dell’olio.

L’eliminazione del separatore finale dal processo produttivo porta senza ombra di dubbio ad una migliore qualità dell’olio prodotto e ad una sensibile riduzione del consumo di energia elettrica riducendo i costi di gestione dell’impianto.